Nuove Tecnologie per la Comunicazione Visiva, Monitor Touch & Monitor Interattivi

Nuove Tecnologie per la Comunicazione Visiva, Monitor Touch & Monitor Interattivi

Il touch screen o touchscreen è un particolare dispositivo elettronico, frutto dell’unione di uno schermo ed un digitalizzatore, che permette all’utente di interagire con un’interfaccia grafica mediante le dita o particolari oggetti. Il termine touch screen è un prestito dell’inglese, in italiano è traducibile con “schermo tattile” o “schermo sensibile al tocco”.

Nel touch screen si cela un mondo tecnologico ampiamente complesso che permette poi di raggiungere risultati comunicativi soddisfacenti e all’avanguardia in determinate situazioni, come accade nei tablet multitouch ad esempio.

Ormai la quasi totalità degli utenti ha una grande familiarità con diversi tipi di display sensibili al tocco, grazie soprattutto alla grande diffusione di dispositivi digitali come smartphone e tablet.

Da molti anni le stesse tecnologie utilizzate per questi schermi vengono anche sfruttate per la produzione di monitor che possono essere collegati a computer o altri apparecchi diffusi sia per uso privato che lavorativo.

Esistono due principali tipologie di monitor touchscreen, che vengono differenziate a seconda della tecnologia impiegata nella loro costruzione.

Schermo resistivo: in questo caso sullo schermo vengono applicate due pellicole trasparenti, che però rimangono leggermente separate l’una dell’altra.

Schermo capacitivo: sono i modelli più moderni, a cui il grande pubblico è ormai ampiamente abituato. Questi display sono realizzati in vetro, la cui superficie esterna viene poi ricoperta da un sottilissimo strato di ossido metallico, in grado di rilevare il tocco di qualunque materiale che conduce elettricità.

Normalmente vengono usate le dita, ma esistono anche altri dispositivi (che, per esempio, simulano la funzione di penne e matite) che permettono di utilizzare con precisione questi schermi.

Mediamente hanno un costo più alto, ma sono più sensibili, più duraturi e più igienici (possono infatti essere puliti con molta più facilità). Inoltre possono anche offrire una migliore qualità delle immagini e vengono oggi preferiti per la costruzione di smartphone, tablet, smartwatch e molti altri prodotti.

Gli schermi mono-touch possono rilevare un solo tocco per volta, mentre quelli multi-touch sono in grado di rilevare più tocchi nello stesso momento.

Iopgroup di Udine azienda leader in Triveneto nelle tecnologie dedicate alla comunicazione visiva propone una nuova generazione di monitor touch screen in Full HD, strumenti caratterizzati da un design di classe e da prestazioni visive in alta definizione, e sono quindi perfetti per condividere informazioni in una sala di dirigenza o sale di presentazione.

I monitor possono anche essere utilizzati nelle sale riunioni, nelle sale congressi e nelle aule formative, ma anche per esempio all’ingresso dell’azienda per proporre contenuti di presentazione aziendale piuttosto che per fiere ed eventi. I contenuti sono completamente personalizzabili dall’utente in modo semplice e veloce, tramite una piattaforma dedicata.

I monitor intelligenti proposti da Iopgroup portano con sè una metodologia innovativa volta a veicolare i messaggi pubblicitari in spazi pubblici o in punti vendita, grazie all’utilizzo di schermi con elevati livelli di interattività, gestibili in remoto.

Questi monitor sono corredati da un sistema operativo Android integrato che permette di lavorare anche in assenza di un PC grazie ad un ampio corredo di applicazioni native come, ad esempio, un software autore / lavagna, un browser web, un player multimediale, strumenti di presentazione.

Il protocollo HID permette di collegare qualsiasi PC Windows al monitor via USB e si è subito pronti per lavorare, senza necessità di installare driver o calibrare la periferica. Le caratteristiche di multi-touch e multi-gesture sono supportate da 20 input simultanei – una caratteristica che permette a più utenti di operare simultaneamente sullo schermo. Un’ottima idea per stimolare attività collaborative!